Come si potano le piante e quando? Quando si pota una pianta si procede per gradi, partendo leggeri per poi aumentare, in modo da correggere eventuali errori. Per una buona potatura possiamo concentrarci su alcune o semplici regole.

Cos’è la potatura?

La potatura è una tecnica colturale importante, favorisce la crescita rigogliosa della pianta e la rende più forte da eventuali attacchi parassitari. Prima di procedere però è necessario sapere che ogni pianta richiede una specifica potatura. Vi sono alcune piante, che non hanno bisogno di essere potate e altre ancora che non sopportano potature drastiche come il ciliegio.

Esistono diverse tipologie di potatura: la potatura naturale, la potatura di formazione, la potatura di mantenimento e ritorno e infine le operazioni di spuntatura e diradamento.

Potatura naturale

La potatura naturale è la potatura più semplice che prevede il taglio netto di alcuni rami, è perfetta per alcune tipologie di alberi da frutta e piante ornamentali. questa potatura prevede di eliminare i rami vecchi o spezzati quelli irregolari e quelli che tendono a incrociarsi, è una tecnica per migliorare l’estetica della pianta e darle una forma ordinata.

Spuntatura

La spuntatura è una tecnica che permette l’irribustimento della pianta e favorisce lo sviluppo di nuove gemme sui rami.

Speronatura

Tecnica che comporta nel’ eliminare una buona quantità di rami e di gemme, per quest’ ultimo viene utilizzato per favorire il risveglio delle gemme dormienti ed eliminare i germogli che entrano in competizione fra loro.

Diradamento

Questa tecnica favorisce il passaggio tra i rami dell’albero i raggi del sole, permettendo il livello di umidità, limitando l’insorgenza di eventuali attacchi parassitari.Questa tecnica permette di ottenere benefici soprattutto se combinata con altre tecniche di potatura.

Potatura di formazione

La potatura di formazione deve essere praticata nei primi anni di vita della pianta, sia le piante ornamentali che alberi da frutto, deve essere effettuata nei mesi di riposo vegetativo. febbraio e marzo.

Potatura di mantenimento

Mira a consolidare i risultati raggiunti con la potatura di formazione, si basa su interventi semplici come eliminare i rami che hanno un andamento irregolare, che hanno rami spezzati, o rami che possono essere attaccati da parassiti. Questa potatura può essere effettuata tutto l’anno, tuttavia è preferibile procedere nella stagione primaverile.

Potatura di ritorno

Questa tecnica prevede l’ accorciamento dei rami apicali delle piante, poco al di sopra del ramo più basso questo impedisce la formazione di rami verticali che possono creare disordini vegetativi. Si tratta di una tecnica applicabile sia agli alberi da frutto che alle piante ornamentali.

Al momento della potatura delle diverse piante, vanno indossati gli appositi guanti da giardinaggio e adoperare attrezzi di qualità.Se la potatura riguarda gli alberi delicati come il ciliegio è necessario disinfettare le lame prima di procedere, se prima sono state potate altre piante.