SOS ZANZARE: Come correre ai ripari senza inquinare

Con l’arrivo della bella stagione torna anche l’incubo delle zanzare.

In quest’articolo spiegheremo come combatterle senza inquinare e nel rispetto della nostra salute.

DA COSA SONO ATTRATTE LE ZANZARE?

Come tutti sappiamo, le zanzare sono attratte dai ristagni d’acqua presenti nei sottovasi, nelle ciotole, nei bidoni e nei contenitori vari, nei ristagni le zanzare depositano le uova.

Quelli che molti non sanno è che a pungere non sono i maschi ma le femmine.

Ogni ristagno idrico rappresenta un luogo ottimale per la proliferazione di quest’ultime, anche perché le larve possono svilupparsi solo in ambiente acquatico

COME RISOLVERE IL PROBLEMA RISPETTANDO L’AMBIENTE?

Innanzitutto, la prima cosa da fare è quella di evitare i ristagni, quindi svuotare regolarmente i sottovasi, le ciotole, i bidoni e i contenitori vari.

Come seconda cosa si consiglia di acquistare le pastiglie antilarvali da inserire nei tombini e nelle raccolte d’acqua non svuotabili. Ovviamente con l’utilizzo di questi prodotti miriamo esclusivamente alle zanzare lasciando intatto l’ecosistema.

Quindi se volete una soluzione più duratura si consiglia di effettuare una disinfestazione, incaricando degli esperti del settore che sapranno, attraverso prodotti specifici e con l’attrezzatura idonea, trovare la soluzione più giusta per voi e più duratura nel tempo.

Mai affidarsi al fai da te, in quanto rischiamo di inquinare l’ambiente e potremmo minare alla nostra salute.

Pistone Servizi, azienda operante nel settore della disinfestazione si occupa anche di zanzare, richiedi maggiori informazioni al riguardo.